A tu per tu con Matteo Gigoni

Per trasmettere i valori che contraddistinguono Gigoni, abbiamo pensato di fare un salto in azienda ed intervistare Matteo Gigoni, caposaldo di questa realtà da più di vent’anni.
Gli abbiamo posto alcune domande, il risultato è un concentrato di ottimismo ed etica imprenditoriale.

Entra con noi in Gigoni: buona lettura.

Come è iniziato il 2019?
Bene. Nelle primissime settimane dell’anno, abbiamo concluso le trattative per l’acquisizione di due nuovi clienti, tra i quali un colosso della moda, e confermato la partnership con altrettanti clienti che già avevano testato l’efficienza di Gigoni.
Siamo più che soddisfatti: il nostro presente ci proietta in un futuro di traguardi.


Ne siamo felici: di questi tempi non è facile trovare aziende in crescita. A questo proposito, come vedete il mercato attuale?
È un mercato altalenante che mette alla prova l’imprenditore. È pur vero però che quando un’azienda lavora bene, spesso riesce ad affrontare le difficoltà traendone ragione di miglioramento. Questo è quello che è accaduto in Gigoni.
Abbiamo abbracciato un modello operativo dinamico e ci siamo proiettati verso il futuro, rimboccandoci le maniche. I risultati non hanno tardato ad arrivare. Del resto, sacrificio e ottimismo qui non mancano mai.


Quale credete che sia il valore aggiunto di Gigoni?
Le persone. Senza ombra di dubbio. In Gigoni contiamo ciecamente sulle nostre persone: clienti e dipendenti credono nella nostra etica, condividendola: così instauriamo un rapporto di completa fiducia reciproca. Tutto questo è per noi di Gigoni irrinunciabile.


Avete pianificato nuovi servizi?

Sì, ultimamente ci siamo concentrati sul servizio di monitoraggio. Il check up delle scaffalature e la conseguente approvazione è requisito indispensabile per le aziende: offriamo un servizio completo che va dall’analisi della struttura sino alla redazione della relazione conclusiva. La meticolosità degli interventi e l’efficacia che contraddistinguono Gigoni sono garanzia di sicurezza.


E le assunzioni?

Ci sono anche quelle. Abbiamo chiuso il 2018 con soddisfazione e siamo entrati nel 2019 con la bellissima necessità di assumere nuovo personale. Formiamo i nuovi affinché possano comprendere le dinamiche interne all’azienda e lavorare con consapevolezza: sentirsi parte di qualcosa è prerogativa essenziale per lavorare bene. Di questo ne siamo fermamente convinti.


Concludiamo così: come sarà il futuro di Gigoni?

Sono un ottimista cronico: credo si sia intuito. È per questo che attribuisco al nostro futuro l’attributo “roseo”: faremo grandi cose, con la competenza e la professionalità che ci contraddistingue da oltre 60 anni.

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre offerte